VITTORIO SGARBI INVITA I TURISTI A TORNARE IN UMBRIA

Il duplice sisma, che ha scosso il centro Italia rispettivamente il 24 Agosto e il 26 Ottobre, continua a mietere danni con la sua scia distruttiva. Questa volta, però, ad essere minacciati non sono solo le abitazioni e i monumenti storici, ma l’intera economia dei territori colpiti dal terremoto, che ha fatto registrare un brutto calo di vendite e di turisti.

L’appello di Vittorio Sgarbi ai turisti italiani

Mentre il Governo Renzi cerca di accelerare i tempi di costruzione dei container, destinati ad accogliere i migliaia di sfollati che risiedono ancora nelle tendopoli, a rendersi conto di problemi ancora più rilevanti è Vittorio Sgarbi, che teme per l’economia lenta a riprendersi del centro Italia. In un’intervista condotta da Lilli Gruber su La7, infatti, il critico italiano ha messo in risalto tutti i patrimoni che sono stati perduti e al contempo ha incitato gli italiani a far visita ai luoghi storici che sono usciti indenni dal terremoto.
L’avvertenza del critico d’arte, quindi, mira in particolare a ripristinare l’identità locale e il turismo nelle regioni Umbria e Marche, al fine di ammortizzare la depressione economica. “Fuori dal cratere sismico, Marche e Umbria hanno luoghi santi all’arte e alla religione, e borghi profumati di tartufo” con queste parole, poi, Sgarbi ha voluto sottolineare che alcuni comuni come, ad esempio, Assisi, Foligno, Gubbio, Spoleto e Orvieto, concentrano un gran numero di zone turistiche che non sono state rallentate dal terremoto, ma che al contrario lavorano ogni giorno per salvaguardare l’economia locale tramite il turismo.
L’appello di Vittorio Sgarbi rivolto agli italiani, quindi, non mira solo ad accrescere il bagaglio culturale di quest’ultimi, ma intende salvaguardare contemporaneamente sia il patrimonio artistico che l’economia dei territori marchigiani e umbri.

Una ricca serie di mostre alla scoperta dei tesori italiani

Nella sua intervista il critico d’arte prosegue col ribadire che l’offerta turistica proposta da Umbria e Marche continua ad accrescersi, grazie ad una serie di mostre e rassegne artistiche fissate per le prossime settimane. Fra queste, Sgarbi invita a non mancare alla mostra “La Maddalena tra peccato e penitenza”, organizzata a Loreto, dove si potranno apprezzare le varie sfaccettature della Maddalena. In seguito, poi, nel palazzo Ducale di Urbino sarà esposta la Venere di Tiziano. Si tratta di un’occasione unica per apprezzare l’olio su tela di Tiziano, poiché si sposta dagli Uffizi di Firenze per rientrare nelle Marche dopo circa cinque secoli di storia. Infine, un’altra sosta la merita sicuramente la mostra “Stanze segrete” allestita ad Osimo, curata direttamente da Sgarbi che accompagnerà i turisti per tutto l’evento.