Un tuffo nella magia del medioevo delle Gaite di Bevagna…

Bevagna: 19-29 giugno 2014

“Il Mercato delle Gaite di Bevagna, in Umbria, si svolge nell’ultima settimana di giugno e dalla piazza principale si sviluppa lungo i due corsi fino a diramarsi all’interno dei quattro quartieri. Pur nel rispetto sostanziale dei dati offerti dalle conoscenze storiche, ogni gaita ha saputo dare al proprio mercato una fisionomia autonoma e, per certi versi, caratterizzante. Così si va da allestimenti apparentemente poveri nei quali si offrono esclusivamente prodotti locali, a soluzioni più articolate, nelle quali si dà spazio anche all’intervento di artigiani esterni. Le strade si popolano di banchi e si animano del rumore delle botteghe nelle quali il visitatore può trovare stoffe, oggetti in cuoio, vimini, cordami, carta, ferro battuto, rame, candele lavorate a mano ed ancora formaggio, pesce, pane appena sfornato, focacce.

Come completamente essenziale del mercato è stata concepita la realizzazione di alcuni mestieri medievali, secondo le antiche tecniche di lavorazione e di produzione. Anche nella scelta dei mestieri le gaite si caratterizzano per interpretazioni autonome, ispirate sia ad una rigorosa fedeltà alla realtà economica della Bevagna medievale (forno, tele, lavorazione del ferro), sia ad una lettura più libera, ma altrettanto fedele nella riproduzione delle tecniche e degli strumenti di produzione. Tali botteghe rimangono aperte per l’intera settimana, contribuendo a creare quel clima di fervore che culminerà nei giorni del mercato.

Altri appuntamenti fondamentali scandiscono le giornate della festa a partire dalla cerimonia di apertura del “Mercato delle Gaite”, nella quale l’intero paese si ritrova nella piazza in una cornice festosa e originale; la gara di tiro con l’arco, che si svolge sempre in piazza, le taverne dove, in un atmosfera resa fortemente aggregante da accurate coreografie, si ha la possibilità di gustare cibi tratti da antichi ricettari e godere di sapori insoliti e per lo più dimenticati. Si moltiplicano inoltre le iniziative che fanno da corredo a questa festa con l’organizazione di incontri-studio su temi inerenti non solo la cultura e la religiosità medievale, ma anche la musica, la danza e il teatro.”

(tratto da www.ilmercatodellegaite.it)

Se state ancora costruendo il vostro itinerario di viaggio per scoprire queste bellezze e l’Umbria più tipicaBorgo Sant’Angelo si propone come location strategica, a pochi chilometri da BevagnaSpelloAssisiGubbioSpoleto Perugia… Prenota subito!

× Possiamo aiutarti?