La storia si respira e si gusta in quel di Gualdo Tadino.

Il folklore locale qui rappresenta motivo di vanto ed un’occasione per conoscere a fondo le origini della città ed i costumi propri della vita di un tempo.

Il territorio, in tutte le stagioni offre un’ampia scelta di rievocazioni storiche e manifestazioni popolari per tutti i gusti, accompagnate spesso dalla famosa e saporitissima cucina locale, ricca di pietanze figlie di un territorio generoso, ottenute con ingredienti rigorosamente a km zero, in grado di restituire alla perfezione i sapori del luogo. In questo senso, da non perdere è l’evento Frantoi Aperti che si svolge ogni anno nella stagione autunnale, coinvolgendo i maggiori produttori dell’olio extravergine di oliva DOP dell’Umbria.

Per riscoprire al meglio la storia cittadina, a Gualdo Tadino è possibile alloggiare nell’albergo diffuso Borgo Sant’angelo, una struttura che ricrea alla perfezione l’atmosfera offerta dalle piazze e dai vicoli: un meraviglioso esempio di urbanistica medievale nel cuore dell’Umbria.

 

Tutte le camere dell’hotel a tre stelle sono collocate a due passi dal centro storico,

in strutture dotate di ogni comfort e complete di tutti i servizi tipici di un albergo, in un’ambientazione estremamente romantica e tranquilla, incrementata dalla bellezza e dall’arredamento delle stanze, nelle quali spiccano i caratteristici letti a baldacchino. Alcuni spazi comuni, tra cui una meravigliosa terrazza ed un parcheggio riservato, completano l’offerta del bed and breakfast capace di calare ogni visitatore in un contesto d’altri tempi.


Fra le tante opportunità di svago, nel mese di settembre spiccano i Giochi de le Porte,

appuntamento imprescindibile durante il quale l’intera città torna indietro di secoli e si appresta a rivivere il proprio importante passato attraverso le competizioni tipiche del quattrocento e tra scenografie d’epoca perfettamente ricostruite. Costumi, giostre equestri, gare e sapori tipici sono in grado di ammaliare le migliaia di visitatori che ogni anno affollano il borgo.
Per l’occasione, la città si tinge dei colori delle porte (San Martino, San Facondino, San Donato e San Benedetto) che sono impegnate a contendersi il palio di San Michele Arcangelo e con esso l’opportunità di bruciare l’antica nemica di Gualdo, la strega alla quale venne attribuito l’incendio che causò la distruzione di buona parte della città.

Ma Gualdo Tadino è anche natura e,a tal proposito, è doveroso per chiunque alloggi in zona visitare la splendida sorgente dell’acqua Rocchetta, ubicata in un contesto naturale mozzafiato, a pochissimi chilometri dal centro. La cittadina è anche meta strategica, perché collocata in una posizione perfettamente equidistante da alcuni dei centri più famosi della regione: Assisi, Spoleto, Perugia e Gubbio

Gualdo Tadino è comodamente collegata a tutti i maggiori centri di interesse dell’Umbria e si trova anche a poca distanza dalle Marche, rappresentando quindi un luogo strategico per qualunque visitatore.

Il folklore è sicuramente tra le peculiarità di questo territorio e si estende non solo alle maggiori città ma anche ai singoli paesi che organizzano eventi e festival per rianimare le antiche tradizioni. Tra gli eventi da non perdere: le Calendimaggio di Assisi e la Festa dei Ceri a Gubbio, entrambe nel mese di maggio e la Giostra della Quintana di Foligno nei mesi di giugno e settembre.

Un diverso tipo di tradizione, più moderna e di diverso interesse, è rappresentata dall’Albero di Gubbio, l’albero luminoso più grande del mondo, spettacolo naturalmente ammirabile durante la stagione invernale e dal festival Umbria Jazz che si svolge a Perugia in estate.

Le camere