Festa dei Ceri 2018: a Gubbio torna la corsa dei monumenti vivi

Festa dei Ceri 2018 a Gubbio

Il 15 maggio torna la Festa dei Ceri a Gubbio: evento molto atteso dagli Umbri e da tutti coloro desiderosi di partecipare alla corsa più entusiasmante dell’anno.

Una ricorrenza nata nel 1160 e portata avanti sino ad oggi per celebrare il Patrono S. Ubaldo: tre grandi statue in legno poste sulle spalle dei ceraioli corrono tra le vie della città per raggiungere la Basilica del Patrono.

Pertanto anche la Festa dei Ceri 2018 non mancherà a donare euforia e divertimento, permettendo a chiunque di assistere ad un evento emozionante e coinvolgente. Infatti la terra umbra è rinomata per le numerose manifestazioni folkloristiche e spirituali che, durante l’anno, attirano molteplici turisti provenienti da tutta Italia, intenzionati a non lasciarsi scappare momenti unici ed indimenticabili.

Non solo, l’Umbria è ricca di attrazioni adatte sia per le famiglie che per gli amanti dell’arte e della natura. Pertanto, se si desidera assistere alla Festa dei Ceri a Gubbio questo 2018 è possibile soggiornare presso l’Hotel Borgo Sant’Angelo a Gualdo Tadino, paese distante pochi chilometri da Gubbio ma posizionato ottimamente per raggiungere ogni località desiderata.

Festa dei Ceri Gubbio 2018: la corsa più attesa dell’anno

Corsa dei Ceri 2018

La Festa dei Ceri 2018 è una ricorrenza attesa sia dai cittadini di Gubbio che da tutti coloro che hanno assistito almeno una volta a questo evento sensazionale. A partire dal 1160 la Corsa dei Ceri di Gubbio non si è mai interrotta, ogni anno il 15 maggio tre enormi strutture di legno, a forma di prismi sovrapposti, percorrono le strade del paese.

Trasportate da 10 uomini queste strutture sono sormontate dalle statue di S.Ubaldo, S.Giorgio e S.Antonio; con un peso di oltre 3 quintali per un’altezza di 3 metri i ceraioli corrono tra le vie di Gubbio per raggiungere la cima del Monte Ingino, luogo su cui sorge la Basilica del Patrono.

Nonostante si conosca la data di inizio di tale tradizione è pur vero che ancora ad oggi le sue origini sono incerte, in particolare vi sono ipotesi derivanti sia dalla tradizione religiosa sia dalla tradizione pagana, entrambe  inerenti a tale manifestazione.

  • Tradizione religiosa: Questa ipotesi vede come protagonista il vescovo eugubino Ubaldo Baldassini (Sant’Ubaldo) pertanto pare che la Corsa dei Ceri di Gubbio rappresenti un evento di devozione al Santo, in quanto evento che si celebra durante la vigilia della sua morte (16 maggio 1160).
  • Tradizione pagana: Secondo l’ipotesi pagana la Corsa dei Ceri trova le sue origini nella festa in onore di Cerere, la Dea Romana delle messi. Tuttavia durante gli anni questa festa onoraria si è cristianizzata e, di conseguenza, fusa con l’atto di devozione a Sant’Ubaldo.

Indipendentemente dalle origini, la Corsa dei Ceri a Gubbio viene regolarmente celebrata e porta con sé un particolare rito: la corsa non è una vera e propria competizione perché i Ceri devono entrate nella Basilica in un ordine preciso Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio.

Tuttavia i ceraioli devono correre tra le vie del paese mostrando forza fisica e abilità nel far si che i ceri non pendano e non cadano. Come invece accadde nell’edizione del 2017 quando il cero di S.Ubaldo cadde distruggendone la statuina.

Pertanto la Corsa dei Ceri ha anche delle regole che devono essere assolutamente rispettate:

  • I ceri non devono superarsi;
  • Se un cero cade gli altri devono fermarsi ad aspettare;
  • Il cero si ferma soltanto alle soste stabilite;
  • L’obbiettivo della corsa per i ceraioli è festeggiare Sant’Ubaldo.

Festa dei Ceri 2018: cosa prevede l’evento

Come ogni 15 maggio anche la Festa dei ceri a Gubbio 2018 inizierà di mattina. Dalle 11.30 si potrà assistere ad uno dei momenti più affascinanti ed emozionanti dell’evento, ossia l’alzata dei ceri: al suono del Campanone i tre capodieci si spingeranno in avanti per consentire ai ceraioli di alzare verticalmente le strutture, non appena si avrà una sicura stabilità si inizierà la corsa tra le vie del paese.

Il percorso effettuato con i ceri è di circa 4 km e 300m ed inizia dall’Alzatella per giungere la Basilica del Patrono situata in cima al monte. I ceri devono dunque percorrere le piazze e le salite del paese per raggiungere la piazza grande e, una volta arrivati al “traguardo”, hanno l’obbligo di effettuare tre giri veloci (chiamati “birate”) attorno al pennone principale, così da chiudere definitivamente la corsa e portare le statue all’interno della Chiesa.

Un evento quindi unico e sensazionale a cuore dai cittadini di Gubbio ma anche a tutti coloro che almeno una volta sono stati dei partecipanti visivi di questo momento strabiliante ed intenso. L’unica clausola richiesta? Divertirsi.

Attrazioni della terra umbra: arte, natura e divertimento

Per coloro che desiderano vedere la Festa dei Ceri 2018 ma non vogliono perdersi anche le bellezze circostanti a Gubbio, devono sapere che la terra umbra è ricca di attrazioni adatte a tutti: dalle famiglie sino agli amanti della natura.

Se per le famiglie si consiglia di non perdere La città dei ragazzi (Park Family) e la Fabbrica del cioccolato Perugina, per i più avventurosi le tappe obbligatorie sono le Grotte di Frasassi o le Grotte dell’Abbadessa.

Per i curiosi della storia, dell’arte e dell’architettura si consiglia di vedere La Rocca di Passignano sul Trasimeno e isole adiacenti, il Pozzo Etrusco a Perugia, oppure l’Eremo delle Carceri di S. Francesco ad Assisi.

Qualunque sia il programma giornaliero scelto, ogni attrazione è un’occasione per non perdere i panorami immensi amalgamati con la tradizione umbra.

Borgo Sant’Angelo – Albergo diffuso a Gualdo Tadino

Per chi desidera vedere la Festa dei Ceri a Gubbio questo 2018 può comodamente soggiornare all’hotel Borgo Sant’Angelo, sito nel centro storico di Gualdo Tadino.

Borgo Sant’Angelo è un antico monastero ristrutturato che accoglie numerosi turisti grazie non solo all’accoglienza calda del personale ma anche dal suo essere posizionato in una zona strategica. Infatti, a pochi passi è possibile raggiungere molteplici attrazioni tra cui la fonte di Acqua Rocchetta.

Inoltre Gualdo Tadino dista a soli 29 km da Gubbio, facilmente raggiungibile tramite la SS219. Pertanto in soli 25 minuti di strada è possibile assistere alla corsa più animata di sempre.

Contattaci o scrivici per prenotare il tuo soggiorno. Noi di Borgo Sant’Angelo garantiamo un’accoglienza tipica umbra, indicandoti anche i luoghi meravigliosi che potrai visitare a soli pochi chilometri da Gualdo Tadino: dalle Grotte di Frasassi alla Fabbrica del Cioccolato Perugina.