Enogastronomia regione Umbria: le prelibatezze invernali

La terra umbra è rinomata per le sue eccellenze enogastronomiche e questo è il motivo per cui i suoi prodotti vengono esportati in tutto il mondo, a partire dai salumi ai funghi, oltre a formaggi e vini. Nonostante la cucina umbra sia generalmente povera, essa presenta cibi pregiati e gustosi tali da rispecchiare il sapore rustico ed intenso del territorio.

Tra le numerose pietanze prelibate che caratterizzano il periodo invernale, è possibile deliziarsi con zuppe ai legumi, con la famosa Faraona alla Leccarda e con una grande varietà di dolci tradizionali, il tutto accompagnato da vini bianchi o rossi.

Quest’ultima scelta è particolarmente ideale nei mesi invernali e interessa i molti appassionati che vengono da ogni dove per godere dei tanti tour di degustazione dei vini dell’Umbria proposti dalle numerose cantine presenti.

Per gli amanti della cucina tipica, l’enogastronomia dell’Umbria è adatta ad ogni palato e curiosità: tra i prodotti tipici della regione Umbria, il tartufo è l’alimento per eccellenza ed è disponibile in diverse specie, oltre che facilmente abbinabile ad una quantità di piatti differenti. Senza contare che la regione vanta paesaggi mozzafiato e siti artistici e culturali unici…

 

Se dunque abbiate deciso di trascorrere un weekend in questa terra, Borgo Sant’Angelo – Albergo Diffuso è un realtà che unisce tradizione culinaria e storia nel meraviglioso borgo storico di Gualdo Tadino.

Enogastronomia dell’Umbria: pietanze tipiche dei mesi invernali

Un piatto tipico che non può mancare sulle tavole degli umbri è la Faraona alla Leccarda: pietanza tradizionale del periodo invernale, capace di rendere l’atmosfera calda e accogliente.

La Faraona alla Leccarda, come facilmente intuibile, è una tipologia di carne accompagnata da una salsa chiamata leccarda, composta da fegatini di pollo o faraona, mortadella, prosciutto, capperi e olive, erbe aromatiche, vino e limone. Un insieme di sapori forti e decisi, tali da rendere questa ricetta unica e caratteristica. Un secondo piatto elaborato e prezioso al tempo stesso, da gustare in compagnia.

All’interno dell’enogastronomia dell’Umbria anche i dolci hanno un ruolo predominante: la Rocciata, ad esempio, è il dolce da forno che inaugura l’inizio del periodo invernale con le festività di Ognissanti, per terminare con l’avvento della Quaresima.

Una sfoglia fine ma croccante, arricchita con varie spezie, mele, uvetta, noci e qualche pinolo. Durante i mesi freddi tale prelibatezza accompagna i pomeriggi, i pranzi domenicali e le festività. La Rocciata è un dolce di origini antiche: nelle “tavole eugubine” (tavole bronzee trovate nel XV secolo a Gubbio) è riportato che tale alimento si associava ai riti sacri, utilizzato con il nome di “tensendo”, dolce del Dio Hondo Cerfio, antica divinità della terra umbra.

Oltre a queste ricchezze culinarie, per la stagione invernale si consiglia un altro piatto tipico della tradizione umbra: la zuppa. Realizzata con cereali e legumi in brodo, con l’aggiunta di erbe aromatiche e lardo: una pietanza ideale per riscaldarsi nei mesi più freddi dell’anno.

Ognuno di questi piatti è unico e facilmente gustabile in ogni sito della regione. Se tuttavia ciò che state cercando è un luogo che combini sapori e tradizione, oltre ad una sistemazione elegante e caratteristica, l’hotel Borgo Sant’Angelo a Gualdo Tadino rappresenta sicuramente la soluzione che fa al caso vostro.

Prodotti tipici regione Umbria: Tartufo nero e Vini Doc e Docg

Tra i prodotti tipici della regione Umbria il tartufo detiene il primato.

Questa terra, grazie alle immense colline boscose che la caratterizzano, si presenta infatti come l’ambiente ideale per molte specie di tartufi pregiati. Tra le molte varietà di tartufi presenti nella Regione spiccano il tartufo bianco allo scorzone, il bianchetto e il tartufo nero (molto pregiato).

Ognuno di questi ha una propria stagione di maturazione e il periodo di raccolta invernale è in particolare quello del pregiato tartufo nero, precisamente abbinato ai mesi da dicembre a marzo (dall’1 dicembre al 15 marzo). Tale varietà cresce in terreni ricchi di argilla e nei territori vicini al fiume Nerva, sulle montagne spoletine e sui monti di Trevi e Subasio.

Il tartufo nero pregiato si differenzia molto dalle altre varietà, soprattutto sulla base delle caratteristiche fisiognomiche peculiari (scorza nera e rugosa, polpa di colore nero-violaceo) e dell’aroma intenso ed ineguagliabile.

Il sapore è penetrante ma questa tipologia di tartufo può impreziosire molte portate come antipasti, primi e secondi se utilizzato adeguatamente, sposandosi in maniera perfetta anche con formaggi e salumi tipici della Regione, donando così un tocco in più ad ogni pietanza.

La Regione Umbra è tuttavia famosa anche per le sue colline di vitigni che prosperano in posizioni assolate. La tradizione vinicola del territorio risale all’epoca degli Etruschi, mantenendo nel corso dei secoli le medesime tecniche di lavorazione e produzione del vino.

Per gli amanti della degustazione di vini, l’Umbria è la terra ideale. La scelta si estende infatti a nomi famosi quali il Colli Martani Grechetto e l’Orvieto Classico.

Ci sono poi altri vini che si combinano perfettamente con le pietanze invernali, tra cui il Rosato di Torgiano – ottimo con antipasti caldi, insaccati e minestre di Legumi – e il Sagrantino di Montefalco DOCG (vino pregiato) che deve essere abbinato a grandi arrosti, cacciagione, selvaggina e formaggi a pasta dura. Non solo, il rosso Sagrantino di Montefalco DOCG è perfetto anche con il tartufo nero pregiato, una combinazione di sapori derivanti dalla sola terra umbra.

Borgo Sant’Angelo – Gualdo Tadino in Umbria

L’Hotel Borgo Sant’Angelo – Albergo diffuso è ideale se ciò che si sta cercando è un weekend rilassante e romantico tra i gusti pregiati della terra, le tradizioni antiche e le meraviglie naturali e artistiche.

La città di Gualdo Tadino è universalmente riconosciuta come la “Città della Ceramica”, le cui origini risalgono al Trecento. Inoltre, questo piccolo paese ospita anche la Chiesa di San Francesco consacrata nel 1315.

Gualdo Tadino è un paese ricco di spiritualità, infatti l’hotel a tre stelle Borgo Sant’Angelo sorge in un antico monastero risalente al 1200 che, seppur ristrutturato, mantiene viva la sua bellezza unica e senza tempo. L’hotel è situato al centro del paese da cui è possibile raggiungere la famosa sorgente dell’Acqua Rocchetta.

Contattaci se hai il desiderio di farti travolgere dalle bellezze della Regione Umbria: noi di Borgo Sant’Angelo offriamo ai nostri clienti valori e tradizioni, a partire dall’accoglienza. Non solo, potrete anche godere di camere caratterizzate da differenti design, tra cui scegliere quella che più ti piace. Prenota il tuo soggiorno tramite il nostro form e renderemo il tuo viaggio nella nostra terra indimenticabile.