Giochi de le Porte 2019: una festa di colori sul finire dell’estate

A Gualdo Tadino, l’estate è la stagione delle feste e dei colori. Prima che l’autunno spazzi via le giornate all’aperto e le lunghe chiacchierate sotto le stelle, goditi un’ultima festa: i Giochi de le Porte 2019. Sarà un’occasione per finire la bella stagione tra gare appassionanti e buon cibo, per fare una scorpacciata di ricordi che rischiarino l’inverno.

Scopri tutti i particolari della rievocazione storica, pregustando le atmosfere medievali che avvolgeranno le strade della città dal 27 al 29 settembre 2019.

 

I Giochi de le Porte: di nuovo in lotta contro la strega Bastola

Nell’articolo dedicato al Palio di Primavera, abbiamo accennato ai Giochi de le Porte in generale. Le prime notizie a riguardo risalgono al 1661; i documenti parlano di una fiera annuale in onore di San Michele Arcangelo, in occasione della quale taverne e alberghi erano esentati dalle tasse. Già allora, l’evento attirava viaggiatori da tutti i paesi limitrofi, desiderosi di vedere le quattro Porte darsi battaglia.

La Porta che vinceva le quattro gare del Palio, guadagnava un grande privilegio: bruciare l’effige della strega Bastola, la nemica giurata della città. Si diceva infatti che fosse stata lei a provocare il grande incendio che anni prima aveva distrutto Gualdo Tadino. Il rogo era l’unico modo per evitare che la sua zozza presenza aleggiasse sulla città per secoli e secoli. Provvedere a questo era un onore per cui valeva la pena combattere.

I Giochi de le Porte 2019 fanno parte di una riedizione contemporanea della fiera di San Michele Arcangelo, iniziata nel 1970. I giochi veri e propri si svolgono dal venerdì alla domenica dell’ultima settimana di settembre. Se vuoi cominciare a divertirti prima, però, le feste partono già a maggio.

Le vie si tingono dei colori delle quattro porte: San Benedetto (torre gialla in campo blu), San Donato (torre gialla in campo bianco)San Facondino (torre gialla in campo verde) e San Martino (torre gialla in campo rosso). 

 

Il programma dei Giochi de le Porte 2019

Il fulcro dell’evento sono le gare, ma in tre giorni ci sono così tante altre cose da vedere! La pagina Facebook dell’evento propone la diretta streaming dei Giochi de le Porte, affinché tutti possano ammirare le sfilate medievali e le gare. Nonostante la tecnologia usata, però, essere in mezzo alla folla in festa rimane tutta un’altra cosa.

Cosa c’è in programma per i Giochi de le Porte di quest’anno?

Venerdì 27 settembre 2019

  • 00, inizio ufficiale dei Giochi de le Porte 2019 con corteo storico e scambio di doni tra le Porte.
  • 00, consegna delle chiavi della città a Gonfaloniere.
  • 00, si esibiscono i Tamburini delle Porte.
  • 00, si esibiscono gli Sbandieratori o i Musici.

Sabato 28 settembre 2019

  • 00, si svolgono le prime gare di tiro con arco e fionda, accompagnate da un corteo di giocolieri.
  • 00, i Balestrieri Waldum si danno battaglia in un’esibizione competitiva mozzafiato.
  • 00, 1.000 figuranti in costume d’epoca attraversano le vie di Gualdo Tadino. Grazie allo streaming dei Giochi de le Porte, puoi vederli anche da casa.
  • 00, si legge il Bando: inizia ufficialmente la sfida tra le Porte!

Domenica 29 settembre 2019

  • 30, si pesano i carretti da usare in gara e si fanno i sorteggi per l’ordine di gara.
  • 00, esibizione degli sbandieratori e nuovo corteo storico.
  • 30, iniziano le gare!

 

La corsa a pelo e le altre gare dei Giochi de le Porte

La corsa a pelo dei Giochi de le Porte è l’ultima gara del palio e la più appassionante. Eppure, le altre sono da meno. Per ogni gara si redige una classifica e si assegnano alla squadra un tot di punti in base alla posizione:

  • 1° posto, 12 punti;
  • 2° posto, 9 punti;
  • 3° posto, 6 punti;
  • 4° posto, 3 punti.

Vince la squadra che alla fine delle gare ha accumulato più punti. Se due Porte arrivano alla fine pari merito, si giocano la vittoria con un’ulteriore corsa a pelo.

Corsa con il carretto

Ogni Porta deve percorrere una strada di 800 metri su un carretto trainato da un asino, nel minor tempo possibile. Il carretto deve pesare almeno 160 chili e avere ruote 85-96 cm, prive di cuscinetti.

Il percorso di gara si snoda lungo le vie del centro di Gualdo Tadino, tra strade strette, dislivelli dati dal rivestimento stradale in pietra, salite e discese. Tutto contribuisce a rendere la gara ancora più eccitante e imprevedibile.

Tiro con la fionda

Ciascuna squadra schiena un giocoliere e un fromboliere, che deve colpire il maggior numero di bersagli in 4 minuti. Per farlo, ha a disposizione solo 5 tiri.

Il bersaglio? Il cuore pulsante della strega Bastola, rappresentato su un piatto di ceramica grande 30 cm e posto a 20 metri dal palco. Se due o più frombolieri pareggiano, si decide il vincitore con uno spareggio a oltranza.

Tiro con l’arco

Altra gara di abilità e mira. L’arciere ha a disposizione 5 frecce e 5 minuti per centrare un bersaglio formato da 10 cerchi concentrici. Più si avvicina al centro, tanto più alto sarà il punteggio finale.

Corsa a pelo

La corsa a pelo è la gara più caratteristica dei Giochi de le Porte, nonché la più ricca di colpi di scena. I quattro fantini delle Porte devono correre in senso orario lungo il percorso della corsa con il carretto, questa volta a cavallo dell’asinello. Senza sella.

I fantini corrono tutti insieme, quindi la gara è un susseguirsi di rimonte e di sorpassi inaspettati. Chi vince questa corsa vince l’intero palio, di solito. Come non emozionarsi?

 

Segui i Giochi de le Porte 2019 sul posto con l’Hotel Borgo Sant’Angelo

La diretta streaming dei Giochi de le Porte può essere appassionante, ma nulla eguaglia la presenza sul posto. Se vuoi salutare l’estate in bellezza, cogli l’occasione e vieni a scoprire Gualdo Tadino. L’Hotel Borgo Sant’Angelo ti propone comode stanze a pochi minuti dal centro, per goderti gli eventi fino a tarda notte senza preoccupazioni.

Contattaci per saperne di più.

× Possiamo aiutarti?